Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli CHINA POWER STATION

CHINA POWER STATION

ARTE CONTEMPORANEA CINESE DALLA COLLEZIONE ASTRUP FEARNLEY
07 novembre 2010 – 27 marzo 2011
a cura di Julia Peyton Jones, Gunnar B. Kvaran e Hans Ulrich Obrist

La Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli prosegue il suo progetto di ricerca sul tema del collezionismo e presenta CHINA POWER STATION Arte contemporanea cinese dalla collezione Astrup Fearnley.
CHINA POWER STATION, a cura di Julia Peyton Jones, Gunnar B. Kvaran e Hans Ulrich Obrist è un progetto evolutivo nato dalla collaborazione della Serpentine Gallery con l’Astrup Fearnley Museum of Modern Art, Oslo; è stata esposta in varie sedi: Part I a Londra nel 2006 ha segnato la prima fase del progetto. Parte II è stata sviluppata per Oslo nel 2007 e Parte III in Lussemburgo
nel 2008 e ora, con un nuovo allestimento e nuove opere, qui a Torino.

L’indagine sul collezionismo porta a Torino un nuovo tipo di mecenatismo quello della collezione Astrup Fearnley: che produce interamente una mostra come China Power Station e poi decide di acquistarla e farla diventare così parte della sua collezione permanente che ha sede nel museo Astrup Fearnley Museum of Modern Art a Oslo, in Norvegia.
In mostra l’esplosione creativa dell’arte contemporanea cinese attraverso le opere di una generazione di artisti d’avanguardia come Cai Guo-Qiang e Huang Yong Ping, insieme con la nuova generazione di artisti post – Mao nati tra la fine degli anni ‘70 e i primi anni ’80, tra cui Cao Fei, Liu Wei, Yang Fudong, Sun Xun, Zhang Ding.
Molte delle opere, create fra il 2005 e il 2007, testimoniano la creatività di coloro che oggi stanno aprendo nuovi territori per l’arte contemporanea cinese e internazionale. Installazioni, film, sculture, fotografie, grafica al computer e pittura le cui diverse tematiche narrano di soggetti di valenza universale come politica e potere, realtà e aleatorietà dell’identità, storia, memoria e nostalgia. Altre opere, invece, si rifanno a nozioni più astratte come il tempo, l’imponderabilità, il caso e l’illusione.
In occasione della mostra il 7 novembre 2010, da mezzogiorno alle sei, la Pinacoteca Agnelli organizza, nella sala di consultazione, la maratona Il Futuro della Cina: il critico Hans Ulrich Obrist dialoga con filosofi, artisti e architetti cinesi sul futuro della seconda potenza economica del mondo.

Artisti
Birdhead: Song Tao & Ji Weiyu, Cai Guo-Qiang, Cao Fei, Yang Fudong, Chen Qiulin, Chu Yun, Duan Jianyu, Huang Yong Ping,
Hu Xiangqian, Kan Xuan, Liang Yue, Liu Chuang, Liu Wei, Liu Weijian, Lu Chunsheng, Pak Sheung Chuen, Qiu Anxiong, Song Tao,
Sun Xun, Xu Zhen, Xue Tao, Zhang Ding, Zhou Tao, Zhou Zixi.