Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Regolamento interno

Regolamento interno

Regolamento per l’accesso dei visitatori alla Pinacoteca e alle mostre temporanee

ARTICOLO 1
Il presente regolamento, approvato dal Consiglio Direttivo in data 28/11/2005 regola l’accesso dei visitatori alla Pinacoteca del Lingotto Giovanni e Marella Agnelli ed alle Mostre Temporanee.

 

Titolo I
Accesso alla Pinacoteca

ARTICOLO 2
La Pinacoteca è aperta al pubblico dal Martedì alla Domenica dalle ore 10,00 alle 19,00.
È chiusa il lunedì ed è aperta nelle festività, ad esclusione dei giorni: 24, 25 e 31 dicembre, 1 gennaio. L’emissione dei biglietti di ingresso è sospesa 45 minuti prima dell’orario di chiusura. Le tariffe, gli orari e le categorie aventi diritto alla riduzione o gratuità per le mostre temporanee sono definite di volta in volta dal Consiglio Direttivo in funzione delle specifiche caratteristiche di ciascun evento espositivo.

ARTICOLO 3
Le tariffe d’ingresso sono esposte alla biglietteria.
Hanno diritto a riduzioni:

  • i visitatori di età superiore ai 65 anni;
  • i ragazzi che abbiano compiuto i 06 anni e non abbiano superato i 16 anni;
  • i soci delle Associazioni culturali individuate e riconosciute dal Consiglio Direttivo;
  • i dipendenti, dirigenti ed ex dipendenti del gruppo Fiat, su presentazione delle tessere Cedas, GDF, Ugaf.
  • scolaresche italiane e straniere fino alla scuola dell’obbligo previa prenotazione.
  • prima della visita alla Pinacoteca deve essere presentata richiesta della Scuola di appartenenza.
  • gli studenti del corso di laurea in Lettere con Indirizzo Artistico e con Indirizzo Archeologico, del Dams, di Architettura e delle Accademie di Belle Arti, previa presentazione di tesserino universitario valido per l’anno in corso.
  • i militari in servizio.

Hanno diritto all’ingresso gratuito:

  •  i Direttori e Conservatori dei Musei italiani e stranieri, nonché i funzionari del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e i soci dell’ICOM-International Council of Museums;
  • le guide turistiche regolarmente autorizzate nell’esercizio della loro professione,se accompagnano un gruppo in visita;
  • i soci delle Associazioni, riconosciute dal Consiglio Direttivo, con funzioni di sostegno e promozione del Museo;
  • i giornalisti previa esibizione della tessera dell’ordine di appartenenza;
  • gli insegnanti accompagnatori delle scolaresche di cui al capoverso precedente;
  • i disabili non autosufficienti;
  • i bambini al di sotto dei 6 anni di età;
  • le personalità ospiti della Presidenza;
  • i funzionari della SIAE in servizio;
  • il Consiglio Direttivo ha facoltà di concedere libero accesso al Museo a persone benemerite della cultura, a donatori e prestatori di opere ed oggetti d’arte, a persone autorevoli in visita alla Città, e a quanti abbiano contribuito alla realizzazione di Mostre temporanee;
  • il Direttore può concedere il libero accesso a persone in visita di studio o di lavoro o per compiti speciali, previa attestazione delle istituzioni di appartenenza.

Il Direttore può concordare con Enti, Associazioni e private visite fuori dall’orario di apertura del Museo. In tal caso Enti o privati dovranno farsi carico dell’intera copertura delle spese di funzionamento della struttura, secondo le tariffe approvate dal Consiglio Direttivo.

Hanno diritto all’ingresso convenzionato:

  • I titolari della tessera Abbonamento Musei Torino Piemonte, su presentazione della tessera valida per l’anno in corso e del documento di identità;
  • i titolari di tessera Torino Card 48 ore e 72 ore su presentazione della tessera valida per il giorno di visita.

ARTICOLO 4
L’ingresso e la circolazione nell’edificio sono subordinati al possesso del biglietto di ingresso rilasciato dalla cassa, dell’abbonamento Musei Torino Piemonte per l’anno in corso o di lasciapassare rilasciato dalla Direzione. I visitatori sono tenuti a conservare e a presentare il biglietto d’ingresso su richiesta del personale in servizio.

ARTICOLO 5
È vietato introdurre nella Pinacoteca:

  • armi e munizioni;
  • sostanze esplosive, infiammabili o volatili;
  • oggetti pericolosi, eccessivamente pesanti e ingombranti;
  • opere d’arte e oggetti d’antichità;
  • animali
  • cibo e bevande

 

TITOLO II
Il guardaroba

ARTICOLO 6
È previsto l’uso gratuito del guardaroba. È a disposizione dei visitatori una carrozzella per anziani o disabili.

ARTICOLO 7
L’accesso alle sale espositive è subordinato al deposito obbligatorio di:

  • bastoni, ombrelli e oggetti appuntiti, taglienti e contundenti. Sono tuttavia autorizzati bastoni per persone anziane o per infermi;
  • valigie, zaini e borse di dimensioni superiori a una 24 ore e tutto ciò che può rappresentare pregiudizio per la sicurezza delle opere esposte o della struttura;
  • calchi e riproduzioni di opere d’arte;
  • carrozzine e passeggini.

ARTICOLO 8
Gli incaricati ricevono i depositi e possono rifiutare oggetti la cui presenza sia in contrasto con le norme di sicurezza dell’edificio.

ARTICOLO 9
Non devono essere depositati al guardaroba:

  • denaro, libretti di assegni, carte di credito;
  • oggetti di valore e gioielli;
  • materiali fotografico, cinematografico, audiovisivo e telefoni cellulari.

I depositi fatti in deroga al presente articolo sono a rischio del depositante.

ARTICOLO 10
La Pinacoteca declina ogni responsabilità per il furto di oggetti depositati al guardaroba.

ARTICOLO 11
Ogni oggetto depositato deve essere ritirato il giorno stesso prima della chiusura. Tutto ciò che non sarà ritirato alla chiusura sarà ritenuto oggetto smarrito.

ARTICOLO 12
Gli oggetti smarriti nei locali del Museo sono consegnati al guardaroba.

 

TITOLO III
Comportamento generale dei visitatori

ARTICOLO 13
È richiesta massima correttezza rispetto al personale di servizio e a tutte le persone presenti nell’edificio.

E’ vietato:

  • superare le barriere di protezione;
  • toccare le opere esposte;
  • appoggiarsi alle vetrine, ai basamenti e ad altri elementi dell’allestimento;
  • scrivere o imbrattare i muri;
  • correre lungo il percorso espositivo;
  • fumare, consumare cibo o bevande;
  • gettare a terra carta o altro;
  • parlare ad alta voce, recando disturbo agli altri visitatori;
  • vendere oggetti e distribuire volantini;
  • tenere accesi i telefoni cellulari.

ARTICOLO 14
I visitatori sono pregati di attenersi alle disposizioni del personale (aprire borse, consegnare pacchi, ecc.).

ARTICOLO 15
La mancata osservanza delle prescrizioni del presente regolamento potrà dare luogo all’allontanamento del visitatore dalla Pinacoteca e, se del caso, all’avvio di procedure giudiziarie.

 

TITOLO IV
Disposizioni relative ai gruppi

ARTICOLO 16
Le visite dei gruppi o delle classi scolastiche devono svolgersi sotto la guida di uno o più accompagnatori che si rendano responsabili del rispetto delle norme del presente regolamento e della buona condotta del gruppo: per la scuola elementare e materna 1 accompagnatore ogni 10 bambini o frazioni di 10; per la scuola media di I e II grado 1 ogni 15 ragazzi.

ARTICOLO 17
Per le classi e i gruppi di studio è necessaria la prenotazione della visita.

ARTICOLO 18
I componenti del gruppo dovranno essere invitati a non allontanarsi dall’accompagnatore ed a non recare disturbo agli altri visitatori.

ARTICOLO 19
La Direzione può, in ogni momento, restringere le condizioni di accesso e le visite dei gruppi, in funzione della capacità di accoglienza del Museo.

ARTICOLO 20
Le visite guidate sono condotte unicamente da:

  • guide autorizzate all’esercizio della professione;
  • storici dell’Arte e Architetti;
  • insegnanti per i propri allievi;
  • persone specificatamente autorizzate dalla Direzione del Museo.

 

TITOLO V
Fotografie, riprese cinematografiche e copie

ARTICOLO 21
Nelle sale di esposizione è vietato qualsiasi tipo di ripresa, salvo specifica autorizzazione della Direzione. L’uso di luci e cavalletti necessita comunque di un’autorizzazione individuale concessa dalla Direzione. È comunque vietato l’uso dei flash.

ARTICOLO 22
Le riprese devono avere unicamente finalità amatoriali e di studio, con divieto di pubblicazione su qualsiasi supporto, sia per diffusione gratuita sia a pagamento. Per le riprese a scopo commerciale, editoriale, cinematografico, documentaristico, giornalistico, televisivo, è necessario rivolgersi alla Direzione. Per le riprese in cui il personale potrebbe apparire, oltre all’autorizzazione della Direzione, deve essere richiesta anche quella degli interessati.

 

TITOLO VI
Sicurezza delle persone, delle opere e dell’edificio

ARTICOLO 23
È vietato ai visitatori commettere azioni che possano compromettere la sicurezza delle persone e dei beni. Ogni incidente o avvenimento anomalo deve essere immediatamente segnalato al personale di sorveglianza.

ARTICOLO 24
Nel caso di principio d’incendio, si raccomanda di conservare la calma. Se viene disposta l’evacuazione dell’edificio,occorre procedere disciplinatamente e con ordine rispettando le direttive del personale.

ARTICOLO 25
In caso di incidente o malessere è vietato spostare l’infortunato o il malato, farlo bere, somministrargli qualunque medicina prima dell’arrivo dei soccorsi. Se tra i visitatori intervengono un medico o un infermiere,dovranno rimanere vicino all’infortunato o malato fino al suo trasporto in ospedale. Sono inoltre invitati a lasciare le proprie generalità al personale di sorveglianza presente.

ARTICOLO 26
Ogni bambino smarrito deve essere condotto in biglietteria.

ARTICOLO 27
Nessuna opera esposta può essere rimossa o spostata se non per ordine esplicito della Direzione. Ogni visitatore che sia testimone di un furto o di atti vandalici è tenuto ad avvisare tempestivamente il personale.

ARTICOLO 28
In caso di tentativo di furto nella Pinacoteca possono essere presi alcuni provvedimenti urgenti, come la chiusura degli accessi e il controllo delle uscite.

ARTICOLO 29
In caso di grande affluenza e in ogni situazione che possa compromettere la sicurezza delle persone o dei beni, si può procedere alla chiusura totale o parziale della Pinacoteca o Mostra, oppure alla modificazione degli orari di apertura. La Direzione si riserva di adottare ogni misura necessaria, imposta dalle circostanze.

ARTICOLO 30
Il direttore della Pinacoteca è incaricato di dare esecuzione al presente regolamento.

Tutela della privacy

Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003

Il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n. 196/2003, pertanto, La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati per le seguenti finalità: comunicazioni e/o informative della Pinacoteca Agnelli con modalità informatizzata e manuale. I dati non saranno oggetto di diffusione. In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell’art. 7 del D.lgs. 196/2003.